La storia

L'Archivio di Stato di Macerata, istituito come Sezione di Archivio di Stato con D.M. del 15 maggio 1941, iniziò a svolgere la propria attività il 1° luglio dello stesso anno grazie alla concentrazione di fondi archivistici già precedentemente raccolti presso la Biblioteca comunale di  Macerata ad opera di eminenti studiosi come Ludovico Zdekauer. A seguito del D.p.R. 30 settembre 1963, n. 1409, l'Istituto cambiò la denominazione in Archivio di Stato

La caratteristica fondamentale dell'Istituto è quella di conservare un patrimonio documentario relativo non soltanto alla città di Macerata ed alla provincia, ma anche a gran parte del territorio dell'intera regione. Questo per il semplice motivo che a partire dal XV secolo Macerata fu sede delle principali magistrature pontificie, della cosiddetta Marca di Ancona, che avevano giurisdizione su tutte le Marche. Quegli stessi archivi sono rappresentati dal fondo del Governatore generale della Marca, della Curia generale della Marca, del Tribunale della Rota, del Commissario delle frodi, del Sub Commissario degli spogli, del Commissario nella Marca della Reverenda fabbrica di S. Pietro.

L'Archivio di Stato conserva anche la documentazione relativa ad organi locali come il podestà di Macerata, quello di Montefano, di Belforte del Chienti, di Recanati, di Montesanto (attuale Potenza Picena), di San Severino Marche, i pretori di Montecassiano, di Monte San Martino, per limitarsi ai fondi più antichi.

Per quanto riguarda l'epoca moderna, non si possono non ricordare gli archivi dell'Amministrazione dipartimentale e della Prefettura del dipartimento del Musone, della Corte di giustizia civile e criminale, del Tribunale del I° Dipartimento del Musone, dei Giudici di pace di molti comuni.

L'Archivio di Stato di Macerata conserva inoltre le carte della Delegazione apostolica della I^ Restaurazione, del periodo cioè che precedette l'annessione delle Marche al regno d'Italia napoleonico del 1808. Molto ben documentato inoltre il periodo relativo alla II^ Restaurazione: ricordiamo infatti i fondi della Delegazione apostolica, della Direzione del bollo, registro e ipoteche delle Marche, con competenza, di fatto regionale, del Tribunale di I^ istanza e di quello di appellazione delle Marche, anche in questo caso con competenza regionale.
A causa della diversa estensione dell'antica circoscrizione di Macerata fino all'unità, l'archivio conserva documenti relativi a comuni che attualmente fanno parte della provincia di Ancona (Fabriano, Filottrano, Loreto, Sassoferrato ed altri), di Ascoli Piceno ed ora Fermo (Sant' Elpidio a Mare, Amandola, ed altri)
Relativamente al periodo post-unitario, si ricordano gli archivi della Prefettura, della Questura, dell'Intendenza di finanza, del Distretto militare e gli archivi degli uffici giudiziari, tra cui il Tribunale e la Corte di Assise di Macerata.
Particolarmente ricca la serie degli archivi notarili tra cui spicca naturalmente quello di Macerata a cui è annesso il cosiddetto Tabulario diplomatico, vale a dire oltre ottocento frammenti di codici in pergamena, a partire dal XII secolo, di carattere giuridico, letterario, scientifico e religioso, recuperati, all'inizio del secolo scorso, dalle coperte di altrettanti protocolli notarili.

Nell'Archivio di Stato di Macerata si trovano inoltre i fondi di istituzioni religiose come la Confraternita del Ss.mo Sacramento di Macerata ed il Monastero di S. Caterina di Cingoli con le sue 1095 pergamene.
Oltre a questi, occorre ricordare la documentazione dell'Amministrazione provinciale, dell'Università, degli Istituti Riuniti di Cura e Ricovero, e di numerosi comuni, compreso quello del capoluogo, conservati a titolo di deposito. Non mancano infine gli archivi di famiglie e persone, tra cui quello della famiglia Gentiloni Massi Silverj di Tolentino, Bonaccorsi e Gallo di Potenza Picena, Ricci Petrocchini di Macerata.

Ricordiamo infine l'archivio della Società dello Sferisterio, monumento fra i più significativi della città, costruito nella I^ metà del sec.XIX per il gioco del pallone con il bracciale e che da molti anni ospita la stagione lirica estiva.

Per offrire un'idea della quantitàdi materiale documentario che l'Archivio di Stato di Macerata, situato in un immobile di recente costruzione, conserva, basti pensare che nei depositi si sviluppano quasi 11.000 metri lineari di scaffalature, occupate da circa 122.000 unità archivistiche. Le pergamene sono complessivamente 3550, la biblioteca di Istituto raccoglie circa 22.900 volumi.
Per la sua natura istituzionale l'Archivio di Stato di Macerata rappresenta quindi da oltre mezzo secolo il punto di riferimento obbligato per le ricerche sulla storia dell'antica Marca di Ancona e dell'attuale provincia di Macerata, come testimoniano le centinaia di pubblicazioni, che hanno utilizzato i fondi archivistici, conservate nella biblioteca.

Dipendente dall'Archivio di Stato di Macerata è la Sezione di Archivio di Stato di Camerino, istituita con D.M. 1 luglio 1967 e funzionante dal 1971.